Pizza, per gli italiani è questione di amore

Noi italiani siamo molto orgogliosi della nostra cultura culinaria. Possiamo vantare tra i piatti più famosi al mondo, e tra questi non può non rientrare la pizza. La pizza è sicuramente uno dei piatti più diffusi; ogni paese o città ha provato a riprodurre il tipico piatto napoletano. Ma come nasce la pizza? Qual è la sua origine? Che cosa sappiamo a riguardo? Certamente siamo sicuri di una cosa la pizza è un patrimonio da tutelare!

La storia della pizza: l’origine di un mito

Dobbiamo essere sinceri: la sua storia è abbastanza incerta. Ci sono molte leggende che ruotano attorno all’invenzione della pizza. Anzitutto, sappiamo per certo che sin dal 997 la parola “pizza” esisteva in Italia.

La città in cui era più diffuso questo termine – inizialmente non italiano, ma in latino volgare – era Gaeta, situata a Livorno. In seguito, nel XVI secolo, la pizza comincia a prendere la sua “prima forma”: un pane schiacciato che si poteva condire a piacere.

I primi condimenti della pizza erano abbastanza semplici, prodotti a cui il popolo aveva facile accesso, come olio di oliva, pomodoro, formaggio o addirittura il pesce. Pensate che il primo a descrivere i diversi condimenti fu lo scrittore Alexandre Dumas, il padre.

La prima differenza: pizza marinara e pizza margherita

Non dobbiamo sorprenderci se fin dai primi giorni in cui fu inventata, la pizza riscosse un notevole successo. Il primo condimento “ufficiale” della pizza fu la marinara: era il 1734 e andava molto in voga per le strade di Napoli come cibo da asporto.

Sulla classica pizza margherita, invece, ci sono molte fonti: quella più certa sembra essere la storia più famosa, ovvero che fu preparata e inventata in onore della Regina Margherita di Savoia, in visita a Napoli. In effetti, con pomodoro, mozzarella e basilico si venivano a ricreare i colori della bandiera italiana.

Ciò che sappiamo per certo è che la storia d’amore degli italiani con la pizza dura da almeno un centinaio di anni e durerà per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.